Retailer, il dubbio tra omnicanalità e multicanalità

Ma esiste davvero l’omnichannel?

Da anni si confonde l’omnicanalità con la multicanalità, ma Il dubbio tra multichannel e omnichannel è nella testa di chi parla o di chi ascolta?

Sono molti i retailer che dicono di essere o di puntare alla omnicanalità, ma siamo sicuro che siano effettivamente omnichannel? Qual’è la differenza?

La differenza sostanziale sta nella politica commerciale e di marketing. Se l’obiettivo è l’omnichannel, il cliente dovrebbe trovare la stessa offerta sia online che offline, ma questo è molto difficile.

E’ infatti consuetudine, ormai, trovare un’offerta commerciale più aggressiva negli e-commerce, dove spesso si cerca di trasformare i leads in clienti sfruttando principalmente la leva del prezzo.

Questo cambio si politica commerciale però, porta il retailer a diventare multicanale, sfruttando quindi politiche commerciali, attività di marketing e regalando al cliente una user experience diversa tra i vari canali.

Ma è veramente corretto attribuire al mondo online una politica di prezzo più aggressiva?

Forse no, perché in realtà il cliente finale ha molti punti a suo favore nel mondo online, quindi non dovrebbe avere anche la possibilità di risparmiare, perché?

il motivo è molto semplice, perché dovrei far risparmiare il cliente, in termini economici quando gli offro un livello di servizio più elevato?

il cliente nell’e-commerce ha la possibilità di:

  • ordinare la merce quando vuole, a qualsiasi ora o giorno
  • ricevere le consegne tutti i giorni (si perchè ormai si consegna anche la domenica)
  • non dover far fatica per portare a casa la merce
  • avere l’offerta più ampia e profonda possibile
  • avere un customer care al suo servizio
  • poter confrontare direttamente il prodotto con altri simili o succedanei

ha veramente senso, quindi lavorare sulla leva del prezzo, e discostarsi dal mondo offline approcciando la multicanalità, anzichè la omnicanalità?

Purtroppo si, e questo è dovuto al fatto che i retailer solo online, per poter rendersi ancora più competitivi, lavorano sul prezzo, obbligando così i le catene tradizionali, a dover battagliare per poter emergere.

I tempi però, stanno cambiando, e se Amazon ha già comprato una importante catena di negozi fisici negli USA, questo forse potrebbe portare ad un livellamento di prezzo tra i due canali, che apportato dal leader mondiale dell’e-commerce, potrebbe spostare gli equilibri e i comportamenti di molti operatori di mercato.

Non ci resta che aspettare, e comprendere bene il comportamento di chi si spaccia per omnicanale,.

così potremmo capire se il dubbio tra multichannel e omnichannel è solo in quello che dicono o anche in quello che fanno.

Lascia un commento

Chiudi il menu